Benefici della Spirulina

Benefici della Spirulina

La Spirulina è un cianobatterio che può essere utilizzato per via orale, senza alcun trattamento, molto utile per la salute umana per il miglioramento dell’attività del sistema immunitario, con effetto antiossidante, anticancro e antivirale. E’ in grado di regolare l’iperlipidemia e i livelli di colesterolo, di fornire una difesa cellulare contro una serie di condizioni quali allergie, asma, diabete, epatotossicità, infiammazione ed obesità.

Diversi studi clinici e preclinici sono stati condotti per testare i benefici della Spirulina sulla perdita del peso, con risultati promettenti. I principali composti fenolici, ovvero l’acido clorogenico, l’acido sinaptico, l’acido salicilico, l’acido transcinnamico e l’acido caffeico, comunemente presenti nella Spirulina, hanno mostrato queste attività, in un modo dipendente dalla concentrazione. Yousefi et al. hanno studiato 52 partecipanti obesi, con un indice di massa corporea (BMI) > 25-40 kg/m2. Hanno diviso i candidati in modo casuale in due gruppi diversi, gruppo trattati e placebo; il primo gruppo ha assunto compresse di Spirulina (SP), 500 mg insieme a una dieta a calorie limitate (RCD) 4 volte al giorno, mentre il secondo gruppo ha ricevuto compresse placebo e RCD con lo stesso regime giornaliero, per 12 settimane. Misurazioni mediche, punteggi di appetito e valutazioni biochimiche sono state eseguite all’inizio, a 6 e a 12 settimane. Il peso corporeo, il grasso e il BMI, insieme alla dimensione della vita e ai punteggi dell’appetito sono stati significativamente ridotti nei candidati trattati con SP rispetto a quelli placebo.

Integrazione di spirulina e peso corporeo

La spirulina è stata recentemente discussa come un’integrazione efficace per la gestione del peso. Come Zeinalian et al. hanno trovato un’integrazione di 12 settimane di SP (1 g/giorno) efficace per ridurre il peso corporeo e il BMI. Tre mesi di integrazione di SM alla dose di (2 g/giorno) in pazienti ipertesi e in sovrappeso hanno anche portato a una diminuzione significativa del peso e dell’indice di massa corporea e a una diminuzione del BMI e della circonferenza della vita secondo un altro studio. In un’altra indagine su un intervento di sei mesi con 6 g/giorno di Spirulina, è stata riportata una significativa riduzione del peso in pazienti con malattia non alcolica del fegato grasso (NAFLD).

Zeinalian et al. hanno trovato un’integrazione di 12 settimane di SP (1 g/giorno) efficace per ridurre il peso corporeo e il BMI. Tre mesi di integrazione di SM alla dose di (2 g/giorno) in pazienti ipertesi e in sovrappeso hanno portato a una diminuzione significativa del peso e dell’indice di massa corporea e a una diminuzione del BMI e della circonferenza della vita. In un’altra indagine su un intervento di sei mesi con 6 g/giorno di Spirulina, è stata riportata una significativa riduzione del peso in pazienti con malattia non alcolica del fegato grasso (NAFLD).

Secondo Fujimoto et al. la Spirulina è efficace nella riduzione del peso corporeo attraverso la riduzione dell’infiltrazione dei macrofagi nel grasso viscerale e la prevenzione dell’accumulo di lipidi nel fegato e dello stress ossidativo. La spirulina è ricca di fenilalanina, un potente rilasciatore di colecistochinina che colpisce il centro dell’appetito del cervello, che a sua volta agisce come soppressore del peso corporeo.

La pressione sanguigna elevata è una delle anomalie metaboliche che colpiscono i pazienti con MetS. L’effetto positivo di un’integrazione di 4,5 g/giorno di Spirulina per 6 settimane sulla pressione sanguigna è stato riportato in un campione di pazienti in sovrappeso. Una riduzione della pressione sanguigna è stata indicata anche in un campione di pazienti con diabete di tipo 2 dopo un intervento consistente nel consumo di 8 g/giorno di Spirulina per 12 settimane. Inoltre, tre mesi di consumo regolare di Spirulina alla dose di 2 g/giorno hanno determinato un miglioramento della pressione sanguigna in pazienti in sovrappeso con ipertensione.

La ficocianina è responsabile del miglioramento della pressione sanguigna migliorando l’espressione dell’ossido nitrico sintasi endoteliale (eNOS) nell’aorta quando stimolata dall’adiponectina. Inoltre, è stato suggerito che i peptidi che inibiscono l’enzima di conversione dell’angiotensina I (ACE) e il sistema renina-angiotensina sono derivati dalla Spirulina, che può svolgere un ruolo critico nell’abbassamento della pressione sanguigna. La C-ficocianina inibisce l’aggregazione piastrinica attraverso l’inibizione della mobilitazione del calcio e la mediazione dei radicali liberi rilasciati dalle piastrine.

La spirulina è stata altamente raccomandata e ampiamente utilizzata per il trattamento delle anomalie lipidiche negli ultimi anni e quasi tutti gli studi hanno riportato che l’integrazione di Spirulina da 1-10 g/d per 15 giorni a 6 mesi ha portato alla riduzione di almeno una o più misure di lipidi nel sangue tra cui TC, TG, LDL-C, VLDL o un aumento di HDL-C. La C-ficocianina inibisce i cambiamenti ossidativi nelle proteine plasmatiche e nei residui di amminoacidi aromatici, quindi aumenta l’attività dell’enzima lipoproteina lipasi, enzima chiave nel metabolismo dei trigliceridi e delle lipoproteine. Può inibire efficacemente la lipasi pancreatica e d’altra parte, i composti attivi della Spirulina possono legare i metaboliti del colesterolo agli acidi biliari, quindi la solubilità del colesterolo è diminuita e l’escrezione fecale di colesterolo e acidi biliari è aumentata. Inoltre, la Spirulina contiene il 5-6% di acidi grassi essenziali, tra cui circa il 30% di acido γ-linolenico (GLA) e acido linolenico (LA), che possono prevenire l’accumulo di grasso e colesterolo nel corpo.

Per i pazienti con diabete di tipo 2, l’integrazione di Spirulina (2 g/giorno) per due mesi ha portato a una riduzione della glicemia a digiuno, della glicemia postprandiale e dei livelli di HbA1c. L’integrazione di SP con una dose di 6 g/giorno per sei mesi è riuscita anche a ridurre l’HOMA-IR negli adulti con NAFLD. Inoltre, in un campione di pazienti insulino-resistenti con infezione da HIV, l’integrazione di Spirulina ad alte dosi (19 g/giorno) per due mesi ha portato a un aumento significativo della sensibilità insulinica rispetto al consumo di soia. Uno studio su pazienti affetti da diabete mellito non insulino-dipendente ha dimostrato che l’integrazione di 2 g/giorno di Spirulina per due mesi ha portato a una diminuzione dei livelli di zucchero nel sangue e dei livelli di proteine sieriche glicate.

Il meccanismo di miglioramento del metabolismo del glucosio si riferisce in qualche modo alla fibra Spirulina e contenuto proteico, portando a ridotto assorbimento del glucosio e aumento della secrezione di insulina, rispettivamente.

L’infiammazione sistemica e localizzata, indotta dall’obesità, è responsabile di un’ampia gamma di comorbidità tra cui lo stress ossidativo, dislipidemia metabolica insulino-resistente, diabete di tipo 2, malattie cardiovascolari e ipertensione. L’assunzione di 8 g/giorno di Spirulina per 16-12 settimane ha portato a una maggiore concentrazione plasmatica di IL-2, una riduzione della concentrazione di IL-6, un aumento dell’attività della superossido dismutasi (SOD), una riduzione del livello di malondialdeide nel plasma e un aumento del valore di adiponectina nel plasma, aumento significativo del rapporto IL-2/IL-6 e dello stato antiossidante totale e una diminuzione del livello di sostanze reattive dell’acido tiobarbiturico in soggetti non obesi. Il miglioramento dello stato antiossidante totale è stato riportato anche dopo il consumo di 2 g/giorno e 5 g/giorno di spirulina in studi separati. L’attività antiossidante e antinfiammatoria della Spirulina è attribuita al contenuto di ficocianina e il ß-carotene. La ficocianina elimina efficacemente i radicali liberi e le specie reattive dell’ossigeno (ROS), sopprime l’espressione dell’ossido nitrico sintasi inducibile (iNOS), riduce la produzione di nitriti e inibisce la perossidazione lipidica nei microsomi epatici. Il ß-carotene agisce come agente antiossidante e antinfiammatorio, considerato un efficiente antiossidante di membrana, attraverso l’inibizione della perossidazione lipidica mediata dall’ossigeno. Inoltre blocca l’accumulo intracellulare di ROS, inibisce l’espressione dei geni associati all’infiammazione come iNOS, COX-2, TNF-α e IL-1ß e inibisce l’attività promotrice di iNOS e del fattore nucleare kappaB (NF-kB).

La spirulina è stata recentemente considerata un integratore alimentare per ridurre gli enzimi epatici nei pazienti con NFLD. In uno studio in aperto, non randomizzato, un intervento di 6 mesi di SP alla dose di 6 g/giorno ha portato a una riduzione di AST, ALT e γ-glutamiltransferasi in un campione di adulti con NAFLD. In un Case report su 3 pazienti con NAFLD, un’integrazione di SM di 4,5 g/giorno ha portato a una riduzione delle aminotransfrasi epatiche.

(1. Yousefi R, Saidpour A, Mottaghi A. The effects of Spirulina supplementation on metabolic syndrome components, its liver manifestation and related inflammatory markers: A systematic review. Complement Ther Med. 2019 Feb;42:137-144. doi: 10.1016/j.ctim.2018.11.013. Epub 2018 Nov 12. PMID: 30670232.

2. Khalifa SAM, Shedid ES, Saied EM, Jassbi AR, Jamebozorgi FH, Rateb ME, Du M, Abdel-Daim MM, Kai GY, Al-Hammady MAM, Xiao J, Guo Z, El-Seedi HR. Cyanobacteria-From the Oceans to the Potential Biotechnological and Biomedical Applications. Mar Drugs. 2021 Apr 24;19(5):241. doi: 10.3390/md19050241. PMID: 33923369; PMCID: PMC8146687)

Condividi questo post


Open chat
Hai bisogno di aiuto?