Importanza nutrizionale dei carotenoidi

Importanza nutrizionale dei carotenoidi

Importanza nutrizionale dei carotenoidi

Negli ultimi decenni, i carotenoidi (licopene, carotene, luteina, zeaxantina e criptoxantina) hanno suscitato grande interesse nel campo della nutrizione umana, in quanto agiscono come antiossidanti biologici, contribuendo alla difesa dell’organismo contro le specie reattive dell’ossigeno (ROS ) e svolgono un ruolo protettivo in condizioni come il diabete e la CVD, influenzando le vie di segnalazione cellulare e influenzando l’espressione di alcuni geni e inibendo specifici enzimi coinvolti nello sviluppo di alcune forme di cancro. I carotenoidi si accumulano principalmente nel fegato, dove vengono trasferiti per essere trasportati dalle diverse lipoproteine ​​per il loro rilascio nella circolazione sanguigna e quindi per essere depositati e immagazzinati in diversi organi e tessuti, come i reni, il tessuto adiposo, ghiandole surrenali, testicoli, pelle e prostata. Il tessuto adiposo (grasso addominale) è un importante sito di riserva per i carotenoidi, che mostra una forte associazione tra l’assunzione di carotenoidi e le concentrazioni di questi antiossidanti nel plasma. I carotenoidi presenti nella pelle possono proteggere dagli effetti dannosi delle radiazioni e neutralizzare gli attacchi dei radicali liberi, in particolare i ROS. Inoltre, le concentrazioni di questi carotenoidi nella pelle possono aumentare con la loro integrazione dietetica e diminuire nelle persone con stress ossidativo, come i fumatori. Allo stesso modo, i carotenoidi nel plasma e nella pelle diminuiscono con l’esposizione ai raggi UV. L’accumulo di questi antiossidanti, così come dei loro metaboliti nel fegato, può esercitare un effetto positivo sul metabolismo degli epatociti, regolando lo stato ossidativo cellulare in alcune patologie epatiche. La malattia epatica non alcolica (NAFLD) è attualmente considerata una delle malattie epatiche croniche più frequenti al mondo e rappresenta un problema clinico grave e in crescita nei paesi sviluppati e in via di sviluppo. La NAFLD può verificarsi in diversi stati, dalla semplice steatosi alla steatoepatite non alcolica (NASH) con fibrosi epatica e cirrosi, che alla fine può portare a carcinoma epatocellulare. L’ingestione di antiossidanti di tipo carotenoide attraverso la dieta è considerata uno dei possibili meccanismi nel trattamento della malattia del fegato grasso non alcolica (NAFLD), evitando così la progressione della NASH e di altri tipi di malattie del fegato.

I carotenoidi sono pigmenti lipofili sintetizzati da piante, funghi, alghe e batteri. Nelle piante, i carotenoidi contribuiscono al sistema fotosintetico e li proteggono dai fotodanni, oltre a contribuire alla produzione di fitoormoni. Come pigmenti, sono responsabili del colore rosso, arancione, rosa e giallo delle foglie di piante, frutta, verdura e alcuni uccelli, insetti, pesci e crostacei. Più di 750 tipi di carotenoidi sono stati identificati in natura, ma solo circa 100 sono presenti in quantità rilevabili all’interno della dieta umana. Tra i 30 e 40 carotenoidi sono stati trovati nei campioni di sangue umano e i sei carotenoidi più abbondanti sono costituiti da oltre il 95% dei carotenoidi presenti nel plasma sanguigno: licopene, luteina, carotene, criptossantina e zeaxantina.

β-Carotene

Questo carotenoide ha un ruolo importante come precursore della vitamina A e ha un impatto diretto sulla lotta contro i ROS, proteggendo quindi il corpo dallo stress ossidativo. Ricerche recenti hanno dimostrato i possibili effetti preventivi e protettivi del β-carotene sulla steatosi epatica, sulla fibrosi, sullo stress ossidativo, sull’infiammazione e sull’apoptosi. Inoltre, questo potente antiossidante funge da pre-ormone, poiché attraverso il metabolismo viene convertito in acido retinoico, che funge da ligando, regolando l’espressione dei geni coinvolti nei processi metabolici. Studi sperimentali hanno dimostrato il potente effetto epatoprotettivo del β-carotene condotto su modelli animali, linee cellulari e esseri umani.

Uno studio condotto su ratti ha mostrato che l’integrazione con β-carotene aumenta i livelli di vitamina C, glutatione ed enzimi correlati al glutatione, agendo come spazzini dei radicali liberi e di conseguenza riducendo la tossicità dell’aflatossina-B. Inoltre è stata riportata una diminuzione del colesterolo plasmatico e dell’indice di aterogenesi e una riduzione dell’accumulo di grassi e dell’infiammazione nel fegato; ciò potrebbe essere dovuto alla regolazione trascrizionale delle citochine infiammatorie. Il β-carotene ha un effetto positivo sulla progressione dei virus dell’epatite (HBV e HCV), prevenendo lo sviluppo del carcinoma epatocellulare. Un’altra indagine ha dimostrato che i pomodori Campari, che contengono più β-carotene e licopene rispetto ai pomodori normali, hanno migliorato l’obesità indotta dalla dieta, la dislipidemia e l’epatosteatosi. Altri alimenti ricchi di β-carotene, come le bacche di goji (Lycium barbarum), hanno anche migliorato la fibrosi epatica, lo stress ossidativo e la risposta infiammatoria in un modello di ratto con una dieta ricca di grassi.

Le proprietà antiossidanti e antinfiammatorie sono i principali meccanismi d’azione dei carotenoidi, che modulano le vie di segnalazione intracellulari che influenzano l’espressione genica e la traduzione delle proteine. Nell’ultimo decennio sono state condotte diverse indagini, cercando di chiarire la funzione protettiva dei carotenoidi contro le lesioni indotte dallo stress ossidativo, in particolare gli effetti antitumorali, prevenendo i tumori e modulando la proliferazione delle cellule epatiche.

Fonte:

Nutritional Importance of Carotenoids and Their Effect on Liver Health: A Review.

Elvira-Torales LI, García-Alonso J, Periago-Castón MJ.

Antioxidants (Basel). 2019 Jul 19;8(7).

Condividi questo post